Italian Blade 2015

Lo scorso 2 luglio 2015 sull’aeroporto di Viterbo si è conclusa, alla presenza del sottosegretario alla Difesa Domenico Rossi, e del capo di Stato Maggiore dell’Esercito generale Danilo Errico, “Italian Blade 2015”: la più grande esercitazione militare di elicotteri mai svolta in Europa.

Organizzata dall’European Defence Agency nell’ambito dell’Helicopter Training Program e coordinata dal comando aviazione Esercito di Viterbo presso il poligono di Monteromano, l’esercitazione ha coinvolto più di 30 elicotteri di Forze Aeree della Coalizione che hanno volato per oltre 600 ore, e circa 1200 militari appartenenti a 7 Nazioni, con lo scopo di incrementare il livello d’interoperabilità delle forze armate dei diversi paesi europei.

Questa esercitazione, dove l’Italia ha partecipato con il contingente più numeroso rappresentato da assetti ed equipaggi dell’Aviazione dell’Esercito e della Marina Militare, è iniziata lo scorso 22 giugno e ha visto in azione i militari di Germania, Austria, Slovenia, Ungheria, Belgio e Repubblica Ceca.

 

I reparti interessati si sono preparati alle diverse tipologie di missioni, oggi considerate tra le più comuni e maggiormente richieste dai teatri operativi reali in cui le forze stesse sono impegnate.

Sulla base di Viterbo, sono stati basati:

  • 04 AB-412 austriaci
  • 04 A-109 belgi
  • 03 Mi-24V cechi
  • 04 UH-1D, 01 CH-53 e 04 NH-90 tedeschi
  • 01 Mi-17 ungherese
  • 01 Cougar sloveno

 

Per quanto riguarda l’assetto italiano, l’esercito ha partecipato con:

  • 04 A-129
  • 02 CH-47
  • 04 NH-90 e 02 AB-205

 

La Marina Militare invece con:

  • 01 EH-101

 

In Italian Blade 2015 è stato riprodotto uno scenario addestrativo mirato a coordinare gli assetti in funzione di una risposta militare ad una situazione di crisi internazionale di un paese in cui gli insorti, armati, creano una decisa e pericolosa attività di contrasto.

Le varie Forze interessate dall’esercitazione hanno svolto missioni combinate di tipo Air Assault (AA), Special Operations Aviation (SOA), Combat Service Support (CSS), Close Air Support (CAS), compresa l’Urban CAS ed Emergency CAS, Combat Search and Rescue (CSAR), Personeel Recovery (PR), Military/Non Military extractions (NEO Ops), Medical Evacuation (MEDEVAC) eCasualty Evacuation(CASEVAC).

Esercitazioni come queste costituiscono un’ottima occasione per le forze armate europee per scambiarsi idee, esperienze e procedure maturate nei diversi contesti operativi.

VAI ALLA PHOTOGALLERY >>